Pubblicata il 1 febbraio 2023 | Amministrazione Comunale

Mostra di Archildo Babini al centro culturale Cappuccini

Mostra di Archildo Babini al centro culturale Cappuccini...
“Giorno dopo giorno. La forza del colore 1919-2020” è il titolo della mostra di Archildo Babini che rimarrà in parete fino al 4 marzo nella Chiesa di san Lorenzo al Convento dei Cappuccini.
Una lunga vita avventurosa quella di Archildo Babini, dedicata alla passione artistica. Arruolato in Marina, è imbarcato sull'incrociatore “Alberico da Barbiano” affondato la notte fra il 12 e 13 dicembre del 1941 al largo di Capo Bon in prossimità della costa tunisina dai cacciatorpedinieri alleati.
Sopravvissuto al naufragio e rientrato in Italia, soggiorna a Venezia dove riprende a dipingere, una inclinazione che coltiva fin da ragazzino e che manterrà per tutta la vita. Purtroppo dopo l'armistizio tra il Regno d'Italia e le forze alleate dell'8 settembre 1943, viene arrestato dai tedeschi e deportato come tanti marinai italiani nel lager della Polte-Werke, la grande fabbrica di munizioni del Magdeburgo, sottocampo di concentramento di Buchenwald.
«Inferno e tortura per tutti i prigionieri…» recita il cartello all'ingresso del Memoriale costruito negli anni Novanta. Non a caso quindi il titolo delle testimonianze dell'artista raccolte in “Fuga dall'inferno” edito da Il Girasole nel 2008. Sopravvissuto un'altra volta, ritorna a casa, repubblicano convinto, per riprendere la sua attività di ebanista intagliatore, liutaio, scultore e poeta: nel 1986 pubblica la raccolta di poesie dialettali “Da la Rumagna cùn e còr”.
Ma è principalmente pittore ispirato dalla sua terra che racconta come un viaggiatore nei luoghi a lui familiari, i paesaggi della pianura e delle valli dove si svolge la quotidianità degli uomini e delle donne che vi lavorano.
Pratica una pittura vivace e sincera, di facile lettura, che attira e commuove chi la guarda. Schivo e riservato per carattere, le sue poche partecipazioni a premi e concorsi ottengono sempre riconoscimenti come all'estemporaneo nazionale di pittura a Marina di Ravenna nel 1969 e nel 1981 e all'interregionale di pittura estemporanea a Montefiore nel 1973 e nel 1981.
La mostra del 2016: “Archildo Babini. Il pittore della memoria contadina e del paesaggio romagnolo” curata da Angela Corelli nel Museo della vita contadina di San Pancrazio di Russi, è la sede ideale per l'ultimo appuntamento significativo di oltre ottant'anni di produzione artistica. Come succede spesso col progredire dell'età, i pittori impegnati per l'intera vita a rappresentare la realtà nelle loro opere, pur mantenendone la matrice, modificano il loro atteggiamento sfumandone i contorni, sostituendo il segno col colore che diventa artefice e protagonista della forma. Il filtro dello specchio è il ricordo. Così Babini da grande vecchio realizza pastelli e acquerelli che esplodono nella loro vivacità rivelando scenari illuminati dall'essenza coloristica di una memoria straordinariamente presente e vitale. È il punto di arrivo: una pittura meno formale e meno soggetta a condizionamenti, piacevolmente fatta di suggestioni, sicuramente meno ingenua di quel che può sembrare.
La mostra è curata dalla figlia Paola, che curerà anche il catalogo che verrà presentato nel finissage venerdì 3 marzo, l'iniziativa rientrerà nel circuito dei “Lom a Merz”, questo il programma:
ore 20.30
- accensione del fuoco propiziatorio a cura dell'associazione “Tuttinsiemepersanbiagio”
- Visita guidata alla mostra di Archildo Babini “Giorno dopo giorno. La forza del colore 1919-2020”
- Presentazione del catalogo della mostra a cura di Paola Babini
- Canti della nostra tradizione della Corale Giuseppe Verdi di Argenta
- Degustazione dei vini della tenuta Garusola e dei prodotti tipici del territorio

Archildo Babini
Giorno dopo Giorno
la forza del colore 1919-2020

Argenta (Fe) – Chiesa San Lorenzo/Centro culturale Cappuccini
28 Gennaio – 4 Marzo

Inaugurazione sabato 28 Gennaio ore 17.00

da lunedì a sabato 8.30-19.00
domenica 15.30-18.30

Per informazioni:
Ufficio Informazione e accoglienza turistica
Tel. 800 111 760 0532-330276
iatargenta@comune.argenta.fe.it
www.comune.argenta.fe.it
Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito alla sezione note legali
Privacy GDPR
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata