Condividi

Aree disponibili in zona industriale artigianale produttiva D1 Argenta capoluogo

Scheda Informativa

Le aree disponibili vengono assegnate in base al vigente regolamento per "l'assegnazione delle aree in zona produttiva e/o terziaria". Gli interessati possono fare richiesta di assegnazione tramite la compilazione di domanda di assegnazione dell'area, a seguito dell'avvenuta accettazione, il richiedente con atto d'impegno, versa a titolo di acconto un importo pari al 10% del prezzo dell'area e entro 90 stipula la convenzione per la compravendita.

Il prezzo al mq. delle aree disponibili viene deliberato dal Consiglio Comunale di anno in anno. Per l'anno 2016, l'Amministrazione Comunale con delibera C.C. n. 12 del 30.04.2015 ha stabilito un prezzo d'acquisto di:
euro 26,00 al mq. per i lotti di superficie superiore a mq. 20.000;
di euro 27,00 per i lotti di superficie superiore ai 10.000 mq e inferiore a 20.000 mq;
euro 31,00 per i lotti inferiori a 10.000 mq;
euro 12,00 per le parti dei lotti ricadenti nelle fasce di inedificabilità stabilite dal
Consorzio di Bonifica 2 Circondario;
euro 20,00/mq per lotti la cui dimensione coincide con l'intero comparto di attuazione, in considerazione sia della minore spesa necessaria per le opere di urbanizzazione, sia della maggior quantita' di area vendibile ( essendoci infatti meno strade di distribuzione all'interno del lotto , la porzione di esso da cedere in vendita risulta maggiore).

- aliquota nella misura del 3 per mille per i fabbricati già esistenti e/o di nuova costruzione posseduti ed utilizzati da soggetti passivi I.C.I. per l'esercizio di attività industriali, artigianali e/o di servizio, accatastati o accatastabili nella categoria catastale D, ubicati nelle zone classificate come “D” produttive dal PRG vigente.

A chi rivolgersi

Amministrativo Rita Chendi

Telefono: 0532/330221

Cellulare:

Fax: 0532/330333

E-mail: r.chendi@comune.argenta.fe.it

Profilo: Amministrativo

Funzioni: Specialista attività amministrative contabili

close
Amministrativo Claudia Andraghetti

Telefono: 0532/330220

Cellulare:

Fax: 0532/330243

E-mail: c.andraghetti@comune.argenta.fe.it

Profilo: Amministrativo

Funzioni: Esperto attività amministrative contabili

close

Modalità di presentazione

1.6.7. Per gli interventi all'interno di P.E.E.P. e P.I.P. gli oneri di urbanizzazione primaria non sono dovuti essendo ricompresi nei prezzi di cessione delle aree; questi ultimi sono stabiliti in rapporto ai reali costi di urbanizzazione, con apposita deliberazione di C.C. da assumersi ai sensi di quanto disposto dall'art. 14 della Legge 26/04/1983, n. 131. Gli oneri di urbanizzazione secondaria saranno determinati applicandole relative tabelle; tali oneri non sono dovuti nelle aree PEEP, mentre nelle aree PIP sono dovuti al 50%, intendendosi la quota rimanente ricompresa nel prezzo di acquisto dell'area;

1.6.8. (abrogato)

1.6.8 - Per gli interventi relativi a tutte le attività artigianali gli oneri di urbanizzazione secondaria (U2) sono ridotti del:
50% quando l'intervento consiste in un nuovo insediamento o ampliamento di attività esistente; 25% quando l'intervento consiste in una ristrutturazione.

1.6.9 - Per gli impianti relativi ad attività commerciali, svolte da cooperative di consumo o da dettaglianti in forma associata, il Comune applica una riduzione degli oneri di urbanizzazione secondaria (U2) del 50% dei valori di incidenza previsti nelle tabelle parametriche.

1.6.10 - Per gli interventi di edilizia residenziale, dotati di impianto termico ad energia solare o ad altro sistema di analogo risparmio energetico, gli oneri di urbanizzazione secondaria (U2) sono ridotti del 20%. La riduzione è applicabile qualora in sede di progetto venga documentato che il risparmio energetico conseguito è superiore al 20% del normale fabbisogno energetico.

1.6.11 - Per gli insediamenti relativi a centri produttivi, commerciali ed infrastrutturali realizzati da enti, società o imprese, in cui la partecipazione pubblica non sia inferiore al 50%, gli oneri di urbanizzazione secondaria (U2) sono ridotti al 50%.

1.6.12 - Ai fini del titolo abilitativo gratuito relativa ad opere , residenziali o non residenziali, da realizzare nelle zone agricole di cui al comma 1, art. 30, L.R. 31/02, da rilasciare all'imprenditore agricolo professionale, il richiedente il titolo abilitativo è tenuto a presentare apposita certificazione del Settore provinciale Agricoltura e Ambiente dalla quale risulti il possesso dei requisiti di cui al capo I D.Lgs 29.3.2004 n. 99.

1.6.13 - E' applicata una riduzione degli oneri di urbanizzazione secondaria (U2) per quegli interventi di ristrutturazione di edifici che garantiscono un livello di accessibilità maggiore rispetto a quello imposto dal DM 14 giugno 1989, n. 236. La detrazione è applicata nella seguente misura: a) 50%, quando il progetto prevede il livello di accessibilità ove la norma richiede la visitabilità o l'adattabilità;
b) 50%, quando l'accessibilità è ottenuta con impianti di sollevamento elettrico-meccanici non obbligatori per norma;
Tali previsioni debbono essere chiaramente esplicitate nella relazione e negli elaborati grafici previsti dalla L.13/89 e successive integrazioni.

1.6.14 -Quando il cambio di destinazione d'uso con opere avviene entro i dieci anni successivi all'ultimo titolo abilitativo rilasciato, su richiesta dell'interessato è applicata l'aliquota ridotta corrispondente alla categoria R.E. senza aumento di C.U.

1.6.15 - La trasformazione di una sala cinematografica ad unico schermo in sale con più schermi, anche se comporta aumento di superficie utile, non è soggetta al pagamento del contributo di costruzione. Il ripristino delle attività di esercizio cinematografico in locali precedentemente adibiti a tale uso, anche se comporta aumento di superficie utilizzabile non costituisce mutamento di destinazione d'uso ed è esente dal pagamento del contributo di costruzione.
Analoga esenzione è concessa per la costruzione di nuove sale cinematografiche.
Le modalità e i vincoli per il godimento delle citate esenzioni sono quelli indicati dalla Legge 1 marzo 1994, n. 153.
1.6.16 Per gli interventi da realizzare su immobili di proprietà dello Stato il contributo di costruzione è commisurato all'incidenza degli oneri di urbanizzazione

1.6.17 Nei casi di mutamento della destinazione d'uso che determini un aumento di carico urbanistico, lo stesso è subordinato all'effettivo reperimento delle dotazioni territoriali richieste e comporta un versamento della differenza tra gli oneri di urbanizzazione per la nuova destinazione e gli oneri previsti, nelle nuove costruzioni, per la destinazione d'uso in atto. La destinazione d'uso in atto dell'immobile o dell'unità immobiliare è quella stabilita dal titolo abilitativo che ne ha prevista la costruzione o l'ultimo intervento e recupero o, in assenza o indeterminatezza del titolo, dalla classificazione catastale attribuita in sede di primo accatastamento ovvero da altri documenti probanti

1.6.18 l mutamento di destinazione d'uso non connesso a trasformazioni fisiche dei fabbricati già rurali con originaria funzione abitativa che non presentino più i requisiti di ruralità e per i quali si provveda alla variazione nell'iscrizione catastale mantenendo la funzione residenziale è esente dal pagamento del contributo di costruzione

1.6.19 Le riduzioni dell'onere contenute nelle presenti tabelle e indicazioni procedurali sono cumulabili fino ad un massimo del 75% dell'onere stesso.

Tempi e costi a carico dell'utente

Per l'anno 2016, l'Amministrazione Comunale con delibera C.C. n. 12 del 30.04.2015 ha stabilito un prezzo d'acquisto di:
euro 26,00 al mq. per i lotti di superficie superiore a mq. 20.000;
di euro 27,00 per i lotti di superficie superiore ai 10.000 mq e inferiore a 20.000 mq;
euro 31,00 per i lotti inferiori a 10.000 mq;
euro 12,00 per le parti dei lotti ricadenti nelle fasce di inedificabilità stabilite dal
Consorzio di Bonifica 2 Circondario;
euro 20,00/mq per lotti la cui dimensione coincide con l'intero comparto di attuazione, in considerazione sia della minore spesa necessaria per le opere di urbanizzazione, sia della maggior quantita' di area vendibile ( essendoci infatti meno strade di distribuzione all'interno del lotto , la porzione di esso da cedere in vendita risulta maggiore).

 Il pagamento attraverso Bonifico Bancario può essere effettuato utilizzando le seguenti Coordinate bancarie per bonifici BBAN e IBAN:
Tesoreria Comunale UniCredit Banca - Agenzia di Argenta - Via Matteotti n. 29.
Paese IT - CIN Eur 33 - CIN J - ABI 02008 - CAB 67171 - C/C 000010373771

Normativa

Valori aree PEEP e produttive - anno 2016

Modulistica

La modulistica è disponibile in due formati: PDF per la stampa e la consegna a mano; modulo online per la compilazione e la trasmissione senza muoversi da casa. Leggi le istruzioni per la compilazione e l'invio.
Marketing - Modulo per la richiesta di aree in area produttiva D1
Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito alla sezione note legali
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata