Condividi

Servizi
Antonio Fiorentini
Sindaco di Argenta

Dal 2009, da quando amministro il Comune di Argenta, a oggi, un concetto mi è diventato particolarmente chiaro: Argenta è un tassello di un mosaico, da Argenta a Ferrara, a Ravenna, a Bologna e oltre.
Solitamente a un sindaco viene immediato progettare e organizzare risposte di breve periodo, veniamo valutati dopo cinque anni di lavoro, e bisogna portare a casa il risultato! Un gap della politica da una parte, ma anche una tendenza del cittadino a pensare nello stesso modo. È più comune lottare per ottenere una nuova asfaltatura del marciapiede davanti a casa rispetto che fare la stessa cosa per l'ottenimento del CPI negli edifici pubblici (che già dal nome ci sembra qualcosa di lontano e astruso: certificato di prevenzione incendi). Ci si impone, tuttavia, se vogliamo fare bene il nostro lavoro di cittadini e di amministratori e governare dei cambiamenti complessi, di superare la facilità di lavorare su un orizzonte limitato: anche se una scelta non paga nell'immediatezza del governo, ci vuole costanza e determinazione e la consapevolezza che si cambiano le cose con tempi che sono generalmente più lunghi di quelli con il quale un'amministrazione viene giudicata. E non solo un orizzonte temporale, ma anche geografico. Non bastiamo a noi stessi: le nostre scelte dipendono e vengono influenzate dal dialogo e dagli altri enti. L'esempio della sanità è quello che colpisce di più, ce lo ripetiamo sempre: l'ospedale Mazzolani-Vandini non è di Argenta, è ad Argenta. Pensandola in questo modo abbiamo avuto la forza non solo di tenerlo aperto, quando sembrava che fosse prossimo alla chiusura, ma anche di farlo diventare un polo di eccellenza nel contesto provinciale (e regionale) specializzandoci in quei servizi che per competenza del personale e per dotazione dell'ospedale fossero veramente nelle corde della nostra struttura e soprattutto lasciando che gli altri poli facessero lo stesso. Così il Mazzolani-Vandini risponde alle esigenze non solo degli argentani, ma anche dei ferraresi, dei comacchiesi o dei centesi. Allo stesso modo se sappiamo che la migliore prestazione sanitaria si trova al Delta, noi argentani là dobbiamo andare. Con un gioco di parole: dove un servizio è organizzato al meglio, lì è davvero al nostro servizio. Proprio la sanità ci insegna che le scelte di lungo periodo e la rottura dei confini territoriali sono già una realtà giusta e necessaria, e non solo, una realtà che funziona!
Un'altra riflessione. Il primo giorno che mi sono insediato ho riunito tutti i dirigenti e la giunta e la prima cosa che gli ho detto è stata: a noi tutto compete. è chiaro, rimane la necessità di distinguere a cosa o a chi fanno capo le singole responsabilità, ma questo con l'obiettivo di offrire una rete organizzata e comunicante. Non possiamo fare solo il nostro lavoro, cioè fornire servizi e risposte, ma dobbiamo farlo anche in modo puntuale e completo, e perché no, anche con la gentilezza dovuta, perché la cosa pubblica è di tutti e proprio con questo orgoglio deve e può funzionare anche meglio di quella privata.

ServiziLe nostre strade

Impegnativa ed onerosa. è così che possiamo definire la gestione dei 427 km di rete stradale nel territorio del Comune di Argenta. All'ANAS compete la gestione dei 20 km di strade statali, 73 sono i km di competenza della Provincia di Ferrara, ed infine alla multiservizi Soelia SpA quelle comunali, per 334 km.


Il programma di manutenzione straordinaria della viabilità comunale 2017

Con un contratto di concessione ventennale stipulato nell'aprile 2007, il Comune ha affidato a Soelia la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade di propria competenza. Soelia si occupa inoltre della gestione della segnaletica sia orizzontale che verticale e della pubblica illuminazione.
Annualmente il concessionario definisce, di concerto con il Comune di Argenta, la programmazione degli interventi. Un monitoraggio costante dello stato delle strade e la conseguente programmazione degli interventi mirano a condizioni d'uso quanto più soddisfacenti privilegiando attività conservative in luogo di ben più costosi interventi di rifacimento delle pavimentazioni.
Per il 2017 il costo del contratto di servizio di affidamento, compresa la pubblica illuminazione, è stato di 1.780.000 euro Iva compresa.


Gli interventi sui nostri ponti
dall'inizio della nostra legislatura interveniamo ogni anno sui ponti che ne hanno più bisogno
Sauro Borea
Assessore al Decentramento - Lavori Pubblici;
referente nei rapporti con l'Unione per le funzioni di Urbanistica

Nel Comune di Argenta, così come in tutta la nostra provincia ferrarese, la situazione dei ponti assume una rilevanza particolare: una conseguenza delle caratteristiche morfologiche del nostro territorio. Siamo terra di bonifiche e terra di valle del Delta del Po, corsi d'acqua e canali. Su un territorio che complessivamente si estende su 311 kmq e 334 km di strade comunali, contiamo oltre 150 ponti di competenza del Comune. è soprattutto nell'ultimo decennio che queste strutture hanno incominciato a mostrare le prime fragilità statiche, in conseguenza della loro vetustà oltre che per l'aumento del numero e della portata degli autocarri e mezzi agricoli che percorrono in grande quantità le nostre strade e ponti, soprattutto nel basso argentano.
L'amministrazione interviene ogni anno sulle problematiche dei ponti, con la gradualità permessa dalla situazione del bilancio e prioritariamente alla gravità imposta da ogni situazione.
Dal 2011 a oggi abbiamo completato i lavori di manutenzione straordinaria dei ponti in via Val Gramigna e via Collettore fra Bando e Menate, via Val Testa a Bando, via Morari a San Biagio e via Fascinata a Santa Maria Codifiume. Un'altra quindicina di ponti su tutto il territorio è stata interessata da lavori di sistemazione e messa in sicurezza con interventi sulla soletta di calpestio e sostituzione dei parapetti.
Cerchiamo di fare una pianificazione sullo stato di questi manufatti considerando il livello d'urgenza di ogni intervento e le disponibilità di bilancio dell'amministrazione, dal momento che ogni lavoro può essere stimato con un costo medio di € 100.000 cadauno, un consistente sforzo economico per le casse del Comune. Per garantire una visione complessiva di tutte le nostre problematiche abbiamo aderito nel 2016 al tavolo convocato dalla prefettura per promuovere su tutto il territorio comunale una classificazione puntuale sullo stato di tutti i ponti. I ponti nel nostro territorio sono infrastrutture d'importanza strategica soprattutto per l'agricoltura. Per questo abbiamo cercato di raccogliere le indicazioni dei proprietari terrieri e delle associazioni di categoria riguardo la possibilità di anticipare, nel primo semestre 2018, gli interventi di ricostruzione dei ponti di via Mantello e di via Gramigna, per limitare al minimo la chiusura al traffico di queste strutture al servizio di un importante comprensorio agricolo.
Il bilancio 2017 prevede l'intervento su altri 4 ponti: entro l'anno appalteremo i lavori relativi alle strutture di via XXIV maggio e via Parata (tra La Fiorana di Bando e San Biagio), e via Val Testa, con inizio lavori a gennaio 2018. I lavori sul ponte di via Fiorana invece saranno appaltati a gennaio 2018, per un intervento che partirà da febbraio. Questi interventi impegnano sul bilancio di quest'anno circa 360.000 € (di cui 100.000 provenienti dalla regione Emilia-Romagna e circa 60.000 da assicurazioni).
Pianificati per il 2018 invece sono i ponti in via Mantello e via Gramigna (Bando), oltre che il ponte in via Isonzo. Rimane l'impegno di definire l'intervento del ponte della Botte a San Nicolò (attualmente chiuso) in comproprietà con il Comune di Portomaggiore.

Il programma sulla rete fognaria

Il Comune di Argenta ha sempre cercato di farsi carico, anche quando non di diretta competenza, dei problemi delle infrastrutture e delle segnalazioni dei cittadini, diventando l'interlocutore primo con i soggetti competenti.
Per quanto riguarda la rete fognaria è stato impostato con il gestore Hera un programma di interventi costruiti sulle criticità e sui problemi che emergono con maggiore frequenza.
La vetustà delle condotte fognarie, unita al fenomeno delle forti e improvvise precipitazioni che si verificano sempre più spesso, fa sì che in caso di bombe d'acqua le fognature possano andare in sovrappressione, causando allagamenti.
Di seguito gli interventi programmati sulla rete fognaria, grazie ai quali siamo fiduciosi
si possa migliorare il servizio e attenuare diversi disagi.

Argenta FATTO
Importante intervento nel sottopasso delle ferrovie in via del Fitto che prevede un raddoppiamento dell'attraversamento fognario.
800.000 euro

Santa Maria Codifiume DA FARE
Non essendo sostenibile un intervento di totale rifacimento dell'intera la rete, è stato chiesto ad Hera la realizzazione di uno sfioratore della fognatura esistente di via Fascinata, con il quale si potrà migliorare il deflusso delle acque in eccesso in caso di grandi piogge.
205.000 euro

Bando IN CORSO
è in corso un intervento di installazione di uno sfioratore della rete fognaria in via Val d'Albero.
265.000 euro

San Biagio DA FARE
è programmato per la fine del 2018 un intervento di realizzazione di uno sfioratore della rete fognaria nella zona di via Antoline e via Morari (il Crociaio), dove si attenuerà l'annoso problema del deflusso in caso di grandi piogge.
Costo dell'intervento in corso di definizione

Longastrino DA FARE
In base ad uno studio sulla rete si è riscontrato un problema nella struttura in prossimità di via Treves e via Turati con un restringimento tale da creare un effetto imbuto. Qui si prevede nel 2018/2019 il rifacimento del tratto di fognatura.
160.000 euro

La manutenzione delle caditoie

Dal 2017 la competenza della pulizia delle caditoie pubbliche è passata da Soelia ad Hera, in quanto la Regione Emilia-Romagna ha stabilito che tale gestione sia affidata alla società che gestisce il servizio idrico e fognario.
Nel nostro Comune sono presenti oltre 10.000 caditoie pubbliche, che vengono pulite secondo una programmazione biennale. Dal 2018 passerà ad Hera anche la loro manutenzione.
In caso di segnalazioni o urgenze relative al servizio idrico e fognario i cittadini possono chiamare il
numero di pronto intervento 800 713 900.
ServiziIl sistema integrato di cura nella provincia di Ferrara

L'Azienda USL di Ferrara attualmente presenta, come esito di diverse stagioni di programmazione e innovazione, una rete di servizi articolata sui tre livelli di assistenza: distrettuale, ospedaliera e di Sanità Pubblica, sviluppata sui principi dell'integrazione e della sostenibilità. In particolare l'offerta provinciale degli ospedali - Cona, Lagosanto, Argenta, Cento - è disegnata sulla base delle vocazioni cliniche/specialità, in un sistema a reti integrate che garantisce risposte di prossimità e specialistiche in ogni sede per l'intera popolazione.
L'assistenza ospedaliera è integrata con le attività territoriali che, attraverso i servizi delle cure primarie in rete, permettono percorsi di continuità assistenziale rivolti soprattutto alla cronicità rispondendo in questo modo alle esigenze di anziani e soggetti fragili con pluripatologie che caratterizzano la popolazione ferrarese. Le Cure Primarie diventano quindi un “sistema integrato” con una connotazione di natura preventiva e riabilitativa e con una forte integrazione con i Servizi Sociali del territorio.
In questo contesto le Case della Salute di Codigoro, Comacchio, Portomaggiore-Ostellato, Copparo, Ferrara e a breve Bondeno, diventano lo strumento di innovazione organizzativa che promuove forme di coordinamento beneficiando dell'integrazione strutturale:
1. Punto di primo accesso alla visita del medico di famiglia e a successivi trattamenti medico-infermieristici a bassa complessità;
2. Attività sanitaria programmata di visite
specialistiche e di diagnostica;
3. Prevenzione e screening;
4. Attività sanitaria e socio-sanitaria programmata
per pazienti cronici e fragili.
All'interno delle Case della salute di Copparo e Comacchio, sono stati inoltre attivati gli Ospedali di Comunità. Servizi che si caratterizzano per una gestione soprattutto di tipo infermieristico, con la supervisione dei medici di medicina generale, la cui assistenza è finalizzata a pazienti che non hanno necessità di assistenza specialistica ma che hanno comunque bisogno per alcune settimane di cure che non potrebbero ricevere al domicilio, ma che possono permettere di rafforzare la loro autonomia una volta dimessi dai reparti ospedalieri.
Un'altra struttura residenziale dedicata alla cura e all'assistenza di malati che necessitano di cure palliative è l'Hospice di Codigoro e Ferrara, convenzionati con ADO. Nodo importante dell'intera rete delle cure palliative che dall'ambito ospedaliero continuano fino al domicilio.
Per completare la rete dei servizi su tutto il territorio sono presenti in una logica di prossimità punti di erogazione di servizi, dai punti prelievi alle visite specialistiche, dall'assistenza domiciliare all'attività di prevenzione, intesa come attività di vaccinazione per minori e adulti e le attività di screening.

PROVINCIA DI FERRARA
Superficie 2.631,82 Kmq
Abitanti 352.006 (anno 2016)
Densità 133,7

4 ospedali
6 case della salute
+ 1 in ricostruzione post-terremoto
2 Hospice 2 Os.Co.

DISTRETTO OVEST
Superficie 413,41 Kmq
Abitanti 78.116
Densità 188,9

DISTRETTO SUD-EST
Superficie 1.330,56 Kmq
Abitanti 99.350
Densità 74,7

Claudio Vagnini
Direttore Generale
Azienda USL di Ferrara
Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito alla sezione note legali
Privacy GDPR
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata