Condividi

#bellargentaLONGASTRINO
Gilberta ravaglia ci racconta Longastrino

A Longastrino sono nata, ho trascorso la mia infanzia, qui lavoro e a mia volta ho costruito una famiglia.

Ho un legame molto profondo con il paese e con i miei compaesani (naturalmente a qualcuno sto antipatica) e penso che quello che conta veramente siano i legami che instauriamo con le persone.

Comunque da longastrinese e da mamma lavoratrice (sperando di essere portavoce di altre mamme), mi sento di ringraziare le amministrazioni di Argenta e di Alfonsine che continuano a investire mantenendo aperte 4 scuole: nido, scuola materna, scuola elementare e scuola media. Penso siano poche le frazioni con il numero di abitanti come la nostra ad avere questi servizi!

Anche se come frazione ogni tanto ci sentiamo un po' abbandonati, bisogna sempre lottare e sostenere le richieste dei paesani.

La volontà a lavorare tutti insieme per il paese non manca mai!

Il comitato per l'anziano, il comitato Le Strine, la parrocchia con alla guida Don Sante Bertarelli, ci permettono di animare il nostro paesello e di organizzare eventi di aggregazione, sempre con il sostegno della comunità. Dobbiamo anche ringraziare tutte le attività che partecipano con il loro contributo economico malgrado questi periodi di crisi.

Il gruppo le Strine ci permette inoltre di illuminare le vie del Paese e ricordare ancora il Santo Natale e la Festa dell'Epifania con iniziative rivolte a grandi e bambini.

Buone feste da Longastrino!


ITINERARIO ARTISTICO DI LONGASTRINO

Tratto da "Argenta e i suoi dintorni" di Dino Giglioli - Editrice Belriguardo Ferrara,1984
"Entrando nel paese, la via prende il nome di via Valletta ed incrocia, poco dopo il Consorzio Agrario, la via Molinetto che percorre quello che era l'antico argine del fiume. L'argine fu completamente smantellato poco dopo l'ultima guerra. Girando a sinistra su via Molinetto, dopo circa duecento metri si trova il cimitero. Di fronte a questo, un po' prima dell'inizio della curva, c'è una zona di terreno denominata Froldo della Chiesa Vecchia e corrisponde, approssimativamente alla zona dove era ubicata l'antica chiesa del paese. [...].
Poco più avanti dal cimitero verso Madonna dei Boschi dopo circa 200 metri si incontra sulla destra Via Orto Torre. Il toponimo è emblematico ed indica con tutta probabilità il luogo ove si trovava una delle tante torri che anticamente si ponevano a difesa dei passi, della navigazione e dei luoghi strategici. Qualche centinaio di metri più avanti conclude il suo percorso la via bassa che viaggia per tutto l'abitato di Longastrino e oltre, parallelamente alla via provinciale. Poco dietro al tratto terminale di via Bassa era ubicata una chiesetta ultimamente usata solo per le processioni del Corpus Domini. Il centro del paese è costituito da una piazza con ampio parcheggio del sagrato della chiesa dedicata a S. Giuliano. Il tempio è stato costruito nel 1955 con mattoni a vista su disegno dell'architetto Guido Minardi di Ravenna e si rifà alle antiche basiliche ravennati a tre navate.

Le navate sono divise da due file di pilastri ottagonali; in quella di destra è esposto un quadro della Madonna del Buon Consiglio del 1600 o forse del 1500 che rappresenta un voto dei longastrinesi per la peste del 1855. Il suo inno è riportato nella parte storica di questo articolo. Nel complesso la chiesa è stata edificata con sistemi costruttivi moderni che richiamano i motivi classici stilizzandoli in maniera attuale. Il campanile è a destra ed è corredato di un orologio donato dai longastrinesi per segnare, come sta scritto in una lapide, ore di pace. Nella seconda metà del 1700 Longastrino era dotato di un ospedale assistito dai frati francescani. L'edificio si trovava nella zona della Tamburina, ma anche di esso non è rimasta traccia. Dal centro, andando verso Filo, dopo circa 500 metri si incontra sulla destra Villa Calgarini, anch'essa semidistrutta dalla guerra e ricostruita seguendo solo in parte le linee originali. La costruzione è del 1800; anticamente apparteneva ad un commerciante di cavalli e fu poi acquistata dai Calgarini. L'interno è arredato da un miscuglio dei mobili di vario stile. Un lungo viale, privo però di alberi di contorno, collega la villa alla strada. Da Longastrino, la strada provinciale, sempre percorrendo la sinuosità dell'antico argine fluviale, dopo due chilometri nella direzione di Filo, giunge alla località Menate, dove si trova l'omonima fossa, nei pressi della quale era situato un ospedale retto dai cappuccini, anche questo completamente distrutto. Prima di lasciare Menate, che deve probabilmente il nome alla condotta che la attraversa (basti ricordare che "menata" è un termine usato dall'ingegneria idraulica del 1600), c'è un ricordo che può essere trasmesso ai lettori. È la foto di uno dei quattro battelli della flotta del Porto Menate che intraprende il suo viaggio verso Magnavacca, corrispondente ora a Portogaribaldi, con a bordo alcuni paesani che si recavano al raduno annuale al cippo di Garibaldi. Il battello si chiama Aspromonte e fu l'ultimo della flotta ad essere disarmato dopo aver navigato per ben 18 anni le acque delle valli. Dopo circa un paio di chilometri sulla destra si incontra il fondo Garusola, appartenente alla Cooperativa Agricola di Filo, già menzionato dall'Aleotti nella sua difesa. Uno degli edifici del fondo, porta in facciata uno stemma in cotto della famiglia Calcagnini. Dalla tenuta Garusola, andando verso Filo, si incontra la Borgata Mulino di Filo."


Longastrino è un paese che negli ultimi anni ha subito diverse trasformazioni non solo economiche ma anche sociali.
Come gruppo Comitato dell'anziano cerchiamo di dedicarci alla fascia di popolazione più anziana, che rappresenta una grossa parte del paese. Un evento ormai atteso è ad esempio il pranzo offerto agli ultra 75enni del paese: ogni anno invitiamo a pranzo, la domenica prima di Natale, oltre 400 persone, alla presenza delle Amministrazioni dei Comuni di Argenta e Alfonsine.
Ogni due anni, la domenica della festa del volontariato organizzamo la Giornata del longastrinese lontano, durante la quale invitiamo in paese i longastrinesi traferitisi altrove e nell'occasione premiamo coloro che si sono distinti per meriti o opere.
Cerchiamo di dare continuità al servizio per il trasporto degli anziani, che a fronte di un piccolo contributo possono usufruire del trasporto per effettuare visite specialistiche. Durante le scorse edizioni della Festa del Volontariato abbiamo cominciato la raccolta fondi per l'acquisto di un nuovo mezzo con questa funzione, attrezzato di pedana per il sollevamento delle carrozzine. La raccolta prosegue, aspettiamo il contributo di chiunque voglia partecipare!

Giancarlo Penazzi, Tesoriere Comitato dell'anziano


Ho iniziato a far parte dell'associazionismo per caso e poi mi sono appassionata e sono rimasta nel gruppo di lavoro, che negli anni continua a essere un punto di riferimento per il paese.
La storia dell'associazione nasce per necessità: dovevamo illuminare il paese durante il periodo natalizio per cui 12 anni fa abbiamo unito le forze di cittadini e imprese, e abbiamo portato a termine il progetto. Da allora ogni anno Longastrino è illuminata grazie al contributo di tutti e da qui il passo è stato breve per organizzare anche la festa di Carnevale e di Halloween ad esempio, oltre a partecipare all'annuale festa del volontariato.
Senza dimenticare il raduno delle 500 ogni anno a luglio… Diciamo che tutti i mesi c'è qualcosa da fare, le proposte non mancano. Sono quindi ottimista rispetto alla nostra associazione e alla vita del paese e invito chiunque abbia voglia di entrare a fare parte del volontariato longastrinese: sapete dove trovarci!

Tatiana Bianchini, Vice Presidente Comitato le Strine


Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito alla sezione note legali
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata