Condividi

Santuario della CellettaVia Celletta - Argenta
A 2 km. dal centro, sulla Statale 16 in direzione Ravenna

Visite: aperto tutti i giorni

Un tempo cella rinascimentale e poi tempio barocco, il Santuario che oggi è possibile ammirare venne innalzato a partire dai primi anni del '600 per fare fronte al crescente numero di fedeli che in seguito all'apparizione della Madonna, cominciarono ad affluire in questo luogo dove vi era una piccola cappella.
Il primo progetto fu affidato al pittore-architetto argentano Marco Nicolò Balestri e in seguito portato a termine da G.B. Aleotti.
Di pianta ellittica con linee e modanature architettoniche classicheggianti.
All'interno otto semicolonne con capitelli in stile corinzio delimitano le cappelle dell'altare.
In alto un cornicione gira tutto intorno e su di esso si aprono alte lunette. Al centro dell'abside si trova l'altare maggiore in marmo, cui lavorò l'Aleotti nel 1627 e che racchiude la Madonna della Celletta con il Bambino del Garofalo (1481-1559).
Questo affresco si trovava nella primitiva chiesetta e venne trasferito qui insieme al muro; le immagini dei SS. Nicolò e Giacomo, patroni delle due parrocchie di Argenta sembrano aggiunti successivamente per opera di Balestri.
Opera del periodo tardo giovanile del Garofalo, datata 1513, si tratto di un caposaldo del percorso stilistico del pittore, in quanto documenta le esperienze che lasciarono nell'animo dell'artista le visioni dei capolavori romani di Raffaello.
Nel secondo altare a destra si può vedere una copia della "Fuga in Egitto" di un pittore ferrarese dell'800, probabilmente di un certo Fei; il bozzetto e il dipinto originale attribuito alla scuola di Guido Reni si trovano all'interno del Museo Civico di Argenta, nella sezione Pinacoteca.
All'interno di questo chiesa barocca vi fu collocato per diverso tempo anche un'altra importante opera del pittore Garofalo, ora collocata sempre nella Pinacoteca, ed esattamente la "Madonna col Bambino trai i SS. Lazzaro e Giobbe", la cui provenienza originaria era la chiesa ospedaliera di S. Lazzaro, trasferita poi nel 1651 nell'altare a destra dell'altare maggiore fino al 1867, quando per problemi di conservazione venne trasferita nella residenza municipale ed infine nella pinacoteca civica cittadina.
Gravemente danneggiata nel 1945, è stata restaurata nel 1954.
Ogni anno il 7 ottobre ricorre la "festa della Celletta" che evoca il trasporto al tempio della venerata immagine, avvenuto nel 1624. Tale devozione è attestata dagli ex voto esposti all'ingresso della chiesa.
Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito alla sezione note legali
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata