Condividi:

facebook twitter linkedin google email

Controlli sulle imprese

Dati non più soggetti a pubblicazione abbligatoria ai sensi del D.Lgs. 97/2016


Obblighi di pubblicazione concernenti i controlli sulle imprese
Art. 25
1. Le pubbliche amministrazioni, in modo dettagliato e facilmente comprensibile, pubblicano sul proprio sito istituzionale e sul sito: www.impresainungiorno.gov.it:
a) l'elenco delle tipologie di controllo a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività, indicando per ciascuna di esse i criteri e le relative modalità di svolgimento;
b) l'elenco degli obblighi e degli adempimenti oggetto delle attività di controllo che le imprese sono tenute a rispettare per ottemperare alle disposizioni normative.

Premessa
Il presente documento, risponde alle esigenze informative, disposte in merito ai controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nel territorio comunale, in aderenza all'articolo 14 del d.l. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35.

I controlli in oggetto, sono relativi alla verifica della conformità delle attività produttive che esercitano in funzione delle autorizzazioni rilasciate dallo SUAP, ovvero rispetto al contenuto nelle dichiarazioni rilasciate dagli imprenditori negli atti sostitutivi delle licenze per l'esercizio dell'attività; i controlli vengono effettuati altresì sul rispetto delle prescrizioni normative in materia di igiene e salute pubblica, sicurezza ambientale, pubblica incolumità, individuate dal legislatore con leggi e regolamenti specifici per ogni settore di attività.

In generale si evidenzia che, qualora l'attività sia esercitata all'interno di immobili/laboratori, occorre che questi abbiano l'idonea destinazione d'uso così come è indispensabile che siano dotati delle necessaria conformità/agibilità edilizia; conseguentemente, i locali dovranno altresì essere adeguati alla norme in materia di prevenzione incendi, qualora l'attività imprenditoriale svolta sia soggetta alle norme di settore in questione.

Nel caso di attività potenzialmente lesive della salute pubblica od in quelle in cui vi sia manipolazione di alimenti e bevande, o comunque l'esercizio preveda l'uso di oggetti che possano venire direttamente a contatto con l'utenza, occorre il possesso di autorizzazioni sanitarie ovvero di atti equipollenti quali autocertificazioni denominate notifiche sanitarie.

Per alcune attività che richiedono particolari competenze professionali, quali quelle dei servizi alla persona, pubblici esercizi, addetti alla sicurezza e simili, può essere richiesto il possesso di particolari requisiti soggettivi quali il conseguimento di attestati professionali o speciali abilitazioni; in ogni caso è sempre necessaria, per il titolare e, ove richiesto, per il responsabile tecnico, la preventiva iscrizione al registro delle imprese, l'assenza di precedenti penali specifici ovvero l'assenza di cause ostative all'esercizio della professione.

In linea generale, in ossequio alle norme nazionali che hanno recepito le disposizioni discendenti dalla “direttiva servizi” dell'Unione Europea, le attività sono libere; ormai, solo in via residuale, per alcune determinate categorie di professioni, stante la peculiarità del servizio offerto, è previsto un contingente numerico; ad esempio per le attività di trasporto pubblico ( ad es. auto con noleggio con conducente o taxi) o per l'insediamento di farmacie.

Qualora l'attività debba essere svolta in forma itinerante occorre informarsi sulle aree interdette per particolari motivi igienico sanitari, paesaggistici o di interesse storico mentre, qualora la stessa si esplichi con occupazione di suolo pubblico è necessaria la preventiva autorizzazione subordinata all'approvazione del progetto di occupazione ed al pagamento della relativa tassa.

Poiché quasi tutte le attività di impresa necessitano quantomeno della preventiva dichiarazione di inizio attività, attualmente denominata Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), da presentarsi al Comune si consiglia, prima di intraprendere qualunque attività imprenditoriale, di prendere contatto con lo Sportello Unico delle Attività Produttive per ottenere ragguagli in merito all'esercizio che si intende avviare.

Gli uffici dello SUAP effettuano anche il controllo sul possesso dei requisiti morali (e professionali), da autocertificare al momento della presentazione delle istanze ovvero delle SCIA, previsti dall'art. 71 del D.Lgs. 59/2010, da autocertificare da parte del dichiarante e di altre persone (soci e amministratori indicati all'art 85 del Dlgs. n. 159/2011).
Controlli sulle attività commerciali in sede fissa
Sulle attività commerciali in sede fissa vengono effettuati i seguenti controlli:

  Trasmissione SCIA per i controlli inizio attività:
Esercizio di vicinato – apertura, trasferimento, ampliamento, aggiunta settore (art. 65 D.Lgs. 59/2010 - artt. 7 e 22 D.Lgs. 114/1998);
Forme speciali di vendita: spacci, domicilio, internet e altri sistemi di comunicazione (artt. 66, 67, 68, 69 D.Lgs. 59/2010 – artt.16, 18, 19, 22 D.Lgs. 114/98);

  Richiesta di accertamento inizio attività per medie o grandi strutture di vendita (artt. 8, 9 e 22 D.Lgs. 114/1998)

 Richiesta accertamento sospensione attività per adozione eventuale provvedimento di revoca autorizzazione/decadenza diritto di svolgere attività (art. 22 D.Lgs. 114/98);

Trasmissione comunicazioni di cessazione tardive (art. 26, comma 5, art. 22 D.Lgs. 114/1998);

 Trasmissione comunicazioni di vendite sottocosto (DPR 218/2011);

 Trasmissione esposti/segnalazioni con richiesta di verifiche.

Controlli sui pubblici esercizi
Sui pubblici esercizi vengono effettuati i seguenti controlli:

  Trasmissione SCIA di subingresso in pubblici esercizi con richiesta accertamento inizio attività e sorvegliabilità (DM 564/92, D.Lgs. 59/2010, art. 64, comma 8, L.R. 14/2003 artt. 8,15, 19);

  Richieste accertamento sorvegliabilità per rilascio nuove autorizzazioni e trasferimenti pubblici esercizi (DM 564/92, D.Lgs. 59/2010, art. 64, comma 8, L.R. 14/2003 artt. 8,15, 19);

  Richiesta accertamento inizio attività nuove autorizzazioni e trasferimenti pubblici esercizi e verifica rispetto criteri qualitativi di rilascio e sorvegliabilità (DM 564/92, D.Lgs. 59/2010, art. 64, comma 8, L.R. 14/2003 artt. 8,15, 19);

 Trasmissione SCIA con richiesta accertamento sorvegliabilità per ampliamento di superficie e per attività di somministrazione annesse a principali attività di trattenimento e svago, strutture di servizio, distributori di carburante, circoli privati ecc - art. 4, comma 5, lett. a, b, c, g (nuove aperture, subentro, ampliamento) e art. 2 DPR 235/2001 (nuove aperture, ampliamenti, trasferimenti) (DM 564/92, D.Lgs. 59/2010, art. 64, comma 8, L.R. 14/2003 artt. 8,15,19, DPR 235(2001 artt. 2 e 4);

 Trasmissione SCIA per accertare l'inizio attività di somministrazione in mense e altri locali non aperti al pubblico (L.R. 14/2003 artt. 8,15, 19, DPR 235/2001);

 Richieste accertamento a seguito di esposti.

Controllo sulle attività commerciali su aree pubbliche
Sulle attività commerciali su aree pubbliche vengono effettuati i seguenti controlli ai sensi del D.Lgs. 114/98, art.dal 27 al 31, – D.L.vo26 Marzo 2010, n.59, art. 70 – regolarità contributiva (DURC) ai sensi della L.R. 1/11 per:

 Autorizzazione per il commercio su aree pubbliche itinerante , tipo B

 Autorizzazione per il commercio su aree pubbliche in sede fissa tipo A e concessione utilizzo di posteggio di mercato (a seguito di bando)

 Autorizzazione spostamento di posteggio per miglioria da parte degli operatori già titolari di posteggio sui mercati

 Comunicazione di subingresso per il commercio su aree pubbliche in sede fissa – tipo A e concessione utilizzo posteggio di mercato

 Autorizzazione per il commercio su aree pubbliche in sede fissa – tipo A e concessione utilizzo di posteggio nelle fiere in concessione decennale (bando)

 Comunicazione di subingresso per il commercio su aree pubbliche in sede fissa - tipo A e concessione utilizzo di posteggio nelle fiere in concessione decennale

 Autorizzazione spostamento di posteggio per miglioria da parete degli operatori già titolari di posteggio nelle fiere in concessione decennale

 Autorizzazioni trimestrali per l'utilizzo di posteggio per produttori agricoli nei mercati

 Autorizzazioni allo scambio consensuale dei posteggi nei mercati e nelle fiere

 Richieste accertamento a seguito di esposti
Controlli su attività artigianali
Sulle attività artigianali vengono effettuati i seguenti controlli (D.Lgs. 26 Marzo 2010, n.59, art. 77, 78 modificati dall'art. 16 D.Lgs. 6 agosto 2012, n. 147):

  Scia inizio attività per nuova apertura o trasferimento di attività di acconciatore;
  Scia inizio attività per nuova apertura o trasferimento attività di estetista;
  Scia inizio attività per nuova apertura o trasferimento attività di tatuaggio e piercing;
  Comunicazione di variazione, trasformazione societaria, e variazione direttore tecnico per l'attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing;
  Comunicazione di subingresso per l'attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing;
  Scia di inizio attività per l'esercizio dell'attività di produzione pane (impianto di nuovo panificio, trasferimento o trasformazione impianto);
  Comunicazione di subingresso attività di produzione pane (Legge 4 agosto 2006, n. 248, art.4, c.2);
  Comunicazione di subingresso attività di noleggio con conducente di autovettura e natante (legge n. 21/1992);
  Comunicazione di subingresso attività di taxi (legge n.21/1992);
  Scia attività di tintolavanderia (art. 79 D.Lgs. n.59/2010, modificato dall'art. 17D.Lgs. 6 agosto 2012, n.147);
  Richieste accertamento a seguito di esposti

Controlli sulle attività ricettive
Sulle attività ricettive vengono effettuati i seguenti controlli:

  Attività extralberghiere art. 18 L.R. 28 luglio 2004 n. 16 - Controllo inizio attività per accertamento requisiti dichiarati;
  Attività alberghiere art. 16 L.R. 28 luglio 2004 n.16 - Controllo inizio attività per accertamento requisiti dichiarati anche ai fini della classificazione alberghiera;
  Agriturismi – controllo inizio attività e controllo periodico annuale – Delibera G.R. 1693/2009 punto 22;
  Sala giochi - Richieste accertamento sorvegliabilità (ex art. 153 regolamento di esecuzione T.U.L.P.S.);
  Richieste accertamento a seguito di esposti.
Altri controlli sulle imprese
In generale sulle imprese vengono fatti i seguenti controlli:

Verifica rispetto prescrizioni antincendio
Descrizione: Verificare che le attività soggette a vigilanza antincendio, ai sensi del DPR 151/2011, abbiano presentato la prescritta Scia al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco
Interfaccia istituzionale di riferimento: Comando Provinciale Vigili del Ferrara
Natura interfaccia istituzionale: Ente terzo esterno al Comune
Tipologie di attività soggette: sono soggette a vigilanza antincendio, da parte del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, l'avvio o la modifica strutturale delle attività di cui all'Allegato I al Dpr 151/2011.

Verifica dei requisiti professionali
Descrizione: L'azione si sostanzia nella verifica dei requisiti professionali per l'esercizio di peculiari attività economiche, in rapporto alle previsioni delle specifiche normative di settore.
Interfacce istituzionali di riferimento:
a) Camere di Commercio (nei seguenti casi): il requisito professionale sia costituito dall'aver svolto in proprio, solitamente per un periodo minimo fissato dalla normativa, specifiche tipologie di attività d'impresa, con iscrizione al Registro delle Imprese;
b) Il riconoscimento dei requisiti professionali, costituente presupposto necessario per lo svolgimento di alcune attività (es. autoriparatori, taxi o autonoleggio con conducente) sia affidato a formale Deliberazione della Camera di Commercio, ovvero all'iscrizione in particolari Albi o Ruoli camerali;
c) La pregressa iscrizione a particolari Albi o Ruoli camerali, sebbene successivamente abrogati, continui ad essere riconosciuta ai fini del possesso del requisito professionale (es. iscrizione al Registro Esercenti il Commercio –REC- per le attività di somministrazione o per le ex tabelle merceologiche alimentari)
d) Inps (qualora il requisito professionale, in base alla peculiare normativa di riferimento, scaturisca dall'aver prestato la propria opera, solitamente per un periodo temporale minimo, in qualità di dipendente o collaboratore familiare di imprese attive in specifici ambiti di attività)
e) Enti pubblici, ovvero Enti privati regolarmente accreditati (qualora il requisito professionale sia costituito dall'aver completato particolari percorsi di natura scolastica, ovvero dall'aver superato specifici corsi di formazione)

Natura interfaccia istituzionale: Enti terzi esterni al Comune

Tipologie di attività soggette:
Attività commerciali al dettaglio, svolte in sede fissa o su aree pubbliche, che trattano prodotti alimentari. Ai sensi della normativa applicabile in materia non sono soggette ai requisiti professionali le attività artigianali che pongano in vendita, nei locali di produzione o in quelli immediatamente attigui, i soli generi alimentari di diretta produzione;
Forme speciali di vendita al dettaglio (al domicilio del consumatore, per corrispondenza, e-commerce) che trattano generi alimentari. Il requisito professionale non è richiesto per gli spacci interni (D. lgs. 174/2012);
Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande (tranne che per le attività svolte a favore di una cerchia ristretta di persone)
Taxi ed autonoleggio con conducente;
Attività funeraria, con riguardo al Direttore Tecnico, agli incaricati alla trattazione degli affari ed agli operatori necrofori;
 Acconciatori, estetisti e centri massaggi;
Autoriparatori.
Interesse pubblico sotteso al controllo: Verificare che i titolari, i legali rappresentanti e/o gli eventuali delegati siano in possesso, qualora prescritto dalle disposizioni settoriali, degli specifici requisiti professionali che costituiscono uno dei presuppostidi legittimazione all'esercizio dell'attività.

Verifica della conformità urbanistica ed edilizia
Descrizione: L'azione si sostanzia nella verifica della compatibilità, sotto il profilo urbanistico ed edilizio, dell'insediamento commerciale, artigianale, produttivo o terziario.
Interfaccia istituzionale di riferimento: Servizio edilizia privata ed urbanistica
Natura interfaccia istituzionale: Ufficio interno al Comune
Vicende amministrative soggette: Il controllo della conformità urbanistico-edilizia non ha luogo qualora l'attività non sia svolta in locali spazi fisici a disposizione dell'Impresa, ovvero nell'ipotesi in cui l'impresa abbia la sola sede legale presso la residenza privata del titolare/legale rappresentante.
Tipologie di attività soggette: Qualsiasi attività commerciale, artigianale, produttiva o terziaria, indipendentemente dalla specifica tipologia di appartenenza.
Interesse pubblico sotteso al controllo: Esercizio delle funzioni amministrative, da parte del Comune, in materia di assetto ed utilizzazione del territorio di pertinenza.

Verifica della conformità igienico-sanitaria
 Descrizione: L'azione si sostanzia nella verifica del rispetto delle norme e prescrizioni in materia igienico-sanitaria.
Interfaccia istituzionale di riferimento: Azienda USL
 Natura interfaccia istituzionale: Ente terzo esterno al Comune
Vicende amministrative soggette: Il controllo della conformità igienico-sanitaria non ha luogo qualora l'attività non sia svolta in specifici spazi fisici a disposizionedell'Impresa, ovvero nell'ipotesi in cui l'impresa abbia la sola sede legale presso la residenza privata del titolare/legale rappresentante. Nel caso del commercio ambulante o del trasporto di alimenti, la verifica è compiuta con riguardo agli automezzi utilizzati dall'Impresa, tranne nel caso in cui il commercio su aree pubbliche sia svolto esclusivamente con banchi mobili.

Tipologie di attività soggette:
Qualsiasi attività di vendita, somministrazione, manipolazione, trasformazione o produzione di sostanze alimentari;
Acconciatori, estetisti, centri massaggi, tatuatori;
Esercizi pubblici (Alberghi, sale giochi ed esercizi similari)
Interesse pubblico sotteso al controllo: Rispetto della normativa vigente in materia di igiene e sanità pubblica.

Verifica degli adempimenti in materia ambientale
Descrizione: L'azione è volta ad accertare che determinate tipologie di attività abbiano preventivamente ottenuto le prescritte autorizzazioni in materia ambientale. Si ritiene opportuno precisare che la materia delle autorizzazioni ambientali presenta sovente un elevato grado di complessità nella concreta valutazione delle singole fattispecie. Le informazioni di seguito fornite, pertanto, hanno puro valore di orientamento.

Interfacce istituzionali di riferimento:
Provincia di Ferrara (per autorizzazione unica ambientale, autorizzazione in materia di emissioni in atmosfera e di scarichi);
Arpa Emilia Romagna (per la trasmissione delle Segnalazioni Certificate d'Inizio Attività concernenti specifiche tipologie di impianti produttivi)
Natura interfacce istituzionali: Enti terzi esterni al Comune
Tipologie di attività soggette: Attività imprenditoriali ed artigianali soggette a rilascio autorizzazione emissione in atmosfera semplificata, AUA, autorizzazione agli scarichi.
Anagrafica dell'Ente
Comune di Argenta
Piazza Garibaldi 1
44011 Argenta (FE)
Tel. 0532.330.111- Fax 0532-330.217
Cod. ISTAT 038/001
Partita I.V.A. 00108090382
Codice Fiscale 00315410381
municipio@pec.comune.argenta.fe.it

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La gestione di questo sito è a cura della redazione del comune di Argenta
Responsabili del sito, policy e privacy alla sezione note legali
Pubblicato nel marzo del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Area riservata